Travel

La Sardegna si sa, è una terra primordiale e a tratti misteriosa, ricca di natura incontaminata, acque cristalline, spiagge da sogno e quasi sempre baciata dal sole. Dico quasi perché nei tre giorni dell’avventura con Denis Strickner di @igers_suedtirol, spesso e volentieri il caldo sole sardo ha lasciato spazio a nuvoloni minacciosi, carichi d’acqua! Ed è proprio per questo che la scelta migliore è stata far scoprire al mio amico di Bolzano la splendida terra in cui vivo con un’auto di TiNoleggio.

 

 

Ci siamo così potuti muovere in modo agile e veloce per il nord ovest dell’isola, sfuggendo alle piogge e scegliendo un itinerario ricco di strade affacciate sul mare, con scenografici tornanti che attraversano paesaggi mozzafiato, fermando l’auto nei luoghi più disparati per immortalare scorci e tramonti indimenticabili. Dopo aver accolto Denis all’aeroporto di Fertilia, ci siamo diretti in soli 10 minuti verso la mia splendida città: Alghero!

 

 

Qui le cose da fare sono davvero tante, dalle passeggiate sugli antichi bastioni che la cingono, alla visita del suo curato e particolare centro storico, agli eventi che ogni giorno si susseguono, alla scoperta on the road dei suoi dintorni! Infatti, tra le tappe da non perdere c’è sicuramente un trekking leggero, adatto a tutti, a Punta Giglio, nel Parco Regionale di Porto Conte: da questa scogliera selvaggia alta circa 80 metri, il tramonto sull’acqua, accanto al promontorio di Capo Caccia, è qualcosa d’indescrivibile! E proprio Capo Caccia con le sue falesie a picco sul mare è stata un’altra sosta in cui scattare qualche bella foto: sapete che proprio qui sotto si sviluppano le famose Grotte di Nettuno? La strada ci ha poi portati a Torre del Porticciolo con la sua baia incorniciata da una delle tante torri cinquecentesche che ornano il perimetro della Sardegna.

 

 

Ho scelto di far pernottare Denis in una delle strutture più belle di Alghero, Villa Mosca Charming House, una storica abitazione sul lungomare della città in cui l’accoglienza tipicamente sarda e la pregiata cucina, sposano un panorama sul Golfo di Alghero che riempie l’anima. Da qui è iniziato anche il nostro secondo giorno di avventura con TiNoleggio, eccoci quindi a percorrere una delle strade più belle e scenografiche dell’intera isola: l’Alghero – Bosa! 45 km di curve sospese tra mare e montagna, paradiso per bikers e appassionati di motori e luogo in cui sono spesso girati spot per case automobilistiche internazionali. Arrivati a Bosa abbiamo scoperto il suo caratteristico centro storico, siamo in uno dei borghi più belli d’Italia! Dal suo quartiere più antico “Sa Costa”, fatto di piccole casette colorate, ci si inerpica tramite ripide stradine fino al Castello medievale dei Malaspina: da qui la vista sulla cittadina, sul fiume Temo che l’attraversa e sulle spiagge circostanti è fantastica!

 

 

Sul litorale ho voluto far conoscere a Denis un luogo venuto alla ribalta tramite Instagram e i social network: Cane Malu. Questa distesa che ricorda la superficie lunare, con rocce bianche e grandi crateri, è conosciuta per una piscina naturale in cui tuffarsi e nuotare tra acque limpidissime e cristalline.

 

Il terzo giorno di road tour ci ha invece portati in quella che, a detta di tanti, è la spiaggia più bella della Sardegna: La Pelosa di Stintino. Questa distesa di sabbia bianca impalpabile, con acque dalle trasparenze inverosimili, incorniciata dalla caratteristica torre costiera, è un gioiello d’inestimabile valore paesaggistico che lascia davvero senza parole.

 

 

Seguendo la brezza che profuma di salsedine, ci siamo avventurati da Stintino a Costa Paradiso, località marittima nel comune di Trinità D’Agultu e Vignola, in cui già il nome fa intendere di essere arrivati tra i posti più belli del nord Sardegna. Siamo nella storica regione della Gallura e qui il “paradiso” da non perdere è la selvaggia spiaggia di Li Cossi, una baia cinta da un mare verde smeraldo e incastonata tra alte scogliere di granito che al tramonto si colorano di mille calde sfumature di rosso.

 

 

Sulla strada del rientro non poteva mancare la sosta a Castelsardo, altro meraviglioso borgo conosciuto per l’impareggiabile cucina di mare e per il suo centro storico che culmina nell’antico Castello dei Doria.

 

 

Questi tre giorni mi hanno permesso di far conoscere alcune delle località a cui sono più affezionato e che consiglio sempre di visitare una volta sbarcati all’aeroporto di Alghero. La cosa bella è che già da qui, noleggiando subito un’auto, si ha la libertà di scoprire questi e altri fantastici luoghi in totale autonomia, con i propri tempi e senza rinunciare a nulla. È per questo devo ringraziare TiNoleggio…!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment